Cosa fare nell'orto ad Aprile

 

 

"La prim'acqua d'aprile vale un carro d'oro con tutto l'assile "

 

 Proverbio popolare



 

E’ con il mese di aprile che i lavori nell’orto familiare riprendono in grande stile. È il mese primaverile per definizione e dobbiamo lavorare nell’orto quotidianamente, infatti, preparando bene l’orto ora, potremo poi goderne per il resto dell’anno.

Ad aprile comincia ad essere possibile la semina (o il trapianto all’aperto) di una grande quantità di ortaggi, si farebbe molto prima a dire cosa non si può seminare, piuttosto che il contrario. Ecco dunque giunto il momento di seminare pomodori, zucchine, melanzane e peperoni e di seminare o trapiantare le aromatiche, con particolare riferimento a prezzemolo e basilico. Dedicatevi inoltre alla semina di rucola a foglia larga o selvatica, lattughe e lattughino, in vista della preparazione di piatti freschi e salutari nei prossimi mesi.

La scelta è talmente vasta che si rischia di andare in confusione. Evitiamo di farci prendere dall’ingordigia e riflettiamo bene prima di organizzare l’orto. Cerchiamo di capire quanto spazio ci è rimasto a disposizione ed organizziamo l’orto in modo da sfrattarlo al meglio e renderlo piacevole.

Nel progettare le nuove semine ricordiamoci di attuare il principio sempre valido della rotazione: non si dovrebbe mai piantare le stesse verdure dell’anno precedente sulla stessa “aiuola”.

Ricordiamo inoltre quanto è importante la semina a scalare, cioè piantare lo stesso ortaggio a distanza di una o due settimane. Se per esempio pianteremo due zucchine adesso e due tra quindici giorni, non avremo l’invasione delle zucchine in un solo periodo, ma due piante inizieranno a produrre in anticipo e altre due ci prolungheranno il raccolto.

Seguire le fasi lunari potrà esservi utile per organizzare al meglio i lavori da effettuare nell'orto, in pieno accordo con i ritmi della natura.

E’ bene ricordare inoltre che in questo periodo primaverile e fino all’arresto delle piogge nell’orto si scatenano le erbe spontanee.

L’invasione di erbe spontanee si può combattere in diversi modi, assolutamente  da escludere naturalmente, l’uso di diserbanti chimici.

I metodi naturali consistono nell’utilizzo degli arnesi tradizionali (come il sarchiatore, la zappetta, l’estirpatore), l’estirpazione manuale delle erbe più vicine ai fusti degli ortaggi, oppure la pacciamatura preventiva, che consiste nel mettere a dimora le piantine su aiuole protette da un telo pacciamante nero o verde.

Il metodo della pacciamatura richiede un lavoro maggiore al momento dell’impianto, ma è molto efficace ed oltre a prevenire la nascita delle infestanti, assicura anche un migliore microclima al terreno.

 

Semine:

  • Arachidi

  • Angurie

  • Asparagi

  • Barbabietole

  • Basilico

  • Bieta

  • Carote

  • Cavoli

  • Cetrioli

  • Cicorie

  • Cipolle

  • Finocchi

  • Indivia

  • Lattuga

  • Lattughino da taglio

  • Melanzane

  • Meloni

  • Peperoni

  • Piselli

  • Pomodori

  • Porri

  • Prezzemolo

  • Rapa

  • Ravanello

  • Rucola

  • Scorzobianca/Scorzonera

  • Stevia

  • Zucche

  • Zucchine

Trapianti:

  • Angurie

  • Basilico

  • Bieta

  • Cavoli

  • Cetrioli

  • Indivia

  • Lattuga

  • Lattughino da taglio

  • Melanzane

  • Meloni

  • Peperoni

  • Pomodori

  • Porro

  • Zucche

  • Zucchine

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© Orti di Veio Via Giustiniana, 380 Roma

Chiama

E-mail

Come arrivare