Cosa fare nell'orto a Maggio

 

 

"L'acqua di Maggio è come la parola di un saggio"

 

 Proverbio popolare



 

 

Eccoci finalmente a Maggio, la primavera è ormai giunta nel proprio momento migliore, l’estate è sempre più vicina e gli ortaggi crescono a vista d’occhio. Se non avete ancora dato inizio al vostro orto familiare, è il momento di procedere.

 

Questo è finalmente il mese in cui si può seminare all’aperto praticamente tutto. Pomodori, melanzane, peperoni e tutti gli altri ortaggi a ciclo lungo possono essere trapiantati anziché seminati, cioè possiamo mettere nell’orto piantine già cresciute in serra che troviamo nei garden center o sulle bancarelle specializzate dei mercatini. E’ preferibile acquistare sempre piantine di qualità, cioè quelle etichettate con il nome della varietà e del produttore in modo da avere una garanzia in più sulla robustezza e sull’assenza di malattie.

 

Per molte varietà è ormai tardi seminare, conviene utilizzare piantine già cresciute che solitamente hanno costi modesti. Se decidiamo di ricorrere al trapianto, le piantine devono essere sane, cioè devono avere un bel colore verde carico (naturalmente nel rispetto delle diverse tonalità), e la loro crescita in altezza deve essere bilanciata dalla robustezza del fusto. Diffidate delle piantine molto alte su uno stelo troppo esile: hanno un colore diafano, e hanno sofferto per la mancanza di luce. Messe in campo probabilmente non resisteranno al sole diretto e moriranno.

 

Maggio è un mese molto ricco per l'orto, sia per quanto riguarda le semine che per il raccolto. L'orto ci ripagherà del nostro impegno con i propri preziosi frutti. Per ottenere buoni risultati anche in un fazzoletto di terra occorre però procedere con metodo ed osservare alcune semplici regole.

 

Una volta eseguita la semina o il trapianto degli ortaggi che intendete coltivare, il vostro compito principale sarà quello di controllare che le erbacce non li soffochino sul nascere. Bisogna quindi procedere quotidianamente al diserbo che in prossimità delle giovani piante dovrà essere rigorosamente manuale.

Naturalmen

te dovrete anche irrigare: fatelo costantemente ma evitando inutili eccessi e soprattutto avendo molta cura di non bagnare le foglie; gli eccessi idrici impediscono ai semi di attecchire come dovrebbero ed espongono le coltivazioni a marciumi radicali e malattie fungine.

 

Assicuratevi inoltre che le piante rampicanti (come pomodori e fagioli) abbiano adeguati sostegni che avrete cura di preparare e fissare sin da prima della semina in modo che siano già al proprio posto quando le piantine inizieranno a germogliare.

 

Sempre in questo mese, iniziano a farsi vivi diversi parassiti: afidi, cavolaia, dorifora, lumache e limacce. A colpire più frequentemente sono anche oidio e peronospora. Iniziate a prevenirli usando verderame e prodotti biologi quali i macerati.

 

Semine:

  • Angurie
  • Barbabietole
  • Basilico
  • Bieta
  • Carciofo
  • Cardo
  • Carote
  • Cavoli
  • Cetrioli
  • Cicorie
  • Fagioli
  • Fagiolini
  • Indivia
  • Lattuga
  • Lattughino da taglio
  • Meloni
  • Piselli
  • Porri
  • Prezzemolo
  • Rapa
  • Ravanello
  • Rucola
  • Zucche
  • Zucchine

Trapianti:

  • Angurie
  • barbabietola
  • Basilico
  • Bieta
  • Carciofo
  • Cardo
  • Cavoli
  • Cetrioli
  • Cicorie
  • Cipolla estiva
  • Indivia
  • Lattuga
  • Lattughino da taglio
  • Melanzane
  • Meloni
  • Peperoni
  • Pomodori
  • Porro
  • Zucche
  • Zucchine
Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© Orti di Veio Via Giustiniana, 380 Roma

Chiama

E-mail

Come arrivare