La rotazione delle colture

 

"Dimenticare come zappare la terra e curare il terreno significa dimenticare se stessi"

 

Mahatma Ghandi

 

 

 

Oggi siamo purtroppo abituati a vedere che nelle serre industriali viene coltivato lo stesso ortaggio quali per esempio pomodori, peperoni, zucchine anche per decine di anni.

 

Questo uso innaturale del terreno implica che il primo strato di terra (30 cm circa), sia praticamente sostituito ogni anno con trattamenti particolari ed arricchito usando una molteplicità di concimi chimici che stressano il terreno ed intossicano i frutti della terra.

 

Esiste invece un sistema antico e naturale per lo sfruttamento sostenibile del terreno e per la coltivazione del nostro Orto Familiare, la rotazione delle colture.

 

Regola generale è che nessuna coltivazione deve seguire se stessa e ripetersi sulla stessa particella di terreno. Questo perché ogni ortaggio assorbe elementi nutritivi dal terreno in modo selettivo esaurendone alcuni e permettendo l’accumulo di altri. Inoltre ogni ortaggio è attaccato da virosi e parassiti specifici, che possono instaurarsi nel terreno se si ripetono le condizioni che hanno reso possibile il primo attacco.

 

Esiste una suddivisione degli ortaggi in famiglie con caratteristiche simili, sia per esigenze nutritive, che per problemi sanitari. Così nella rotazione un ortaggio non dovrà seguire se stesso, ma nemmeno uno della stessa famiglia.

 

 

 

Rotazione su base quadriennale:

 

 

 

  • Anno uno: leguminose
  • Anno due: ortaggi esigenti che si avvantaggiano dell’azoto fissato dalle leguminose e di una ricca concimazione (pomodoro, zucchini, cetriolo, melanzana, cavoli, porro, sedano
  • Anno tre: ortaggi mediamente esigenti (cipolla, aglio, verdure da foglia, ravanello
  • Anno quattro: ortaggi poco esigenti (prezzemolo ed altre erbe aromatiche, carote, spinaci.

 

FAMIGLIA

SPECIE

NOTE

Leguminose

Fagioli, fagiolini, piselli, fave, ceci, lenticchie

Migliorano la fertilità del terreno grazie alla proprietà azoto-fissante dei loro tubercoli radicali. A fine ciclo le radici non devono essere estirpate dal terreno.

Solanacee

Pomodoro, melanzana, peperone, peperoncino, patata

Richiedono grandi quantità di sostanze nutritive.

Cucurbitacee

Zucchino, zucca, cetriolo, melone, anguria

Richiedono grandi quantità di sostanze nutritive. Si giovano di abbondanti letamazioni.

Crucifere

Cavoli, verze, ravanelli, rucola

Coltivazioni di lunga durata (cavoli e verze) o intercalari (ravanello e rucola).

Liliacee

Cipolla, aglio, scalogno, porro

Non gradiscono una letamazione ravvicinata.

Ombrellifere

Carote, sedano, finocchio, prezzemolo

Non devono essere coltivate dopo le Chenopodiacee.

Chenopodiacee

Spinaci, bietole

Non prima delle Solanacee e delle Ombrellifere.

Composite

Verdure da foglia per il consumo crudo

E’ un errore diffuso ripeterle sullo stesso appezzamento.

Rosacee

Fragole

Non devono essere coltivate sullo stesso terreno prima che siano trascorsi tre anni.

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© Orti di Veio Via Giustiniana, 380 Roma

Chiama

E-mail

Come arrivare